Un viaggio per l’Italia per preservare l’arte e riscoprire se stessi: “Non esistono posti lontani” di Franco Faggiani - Cocktail di libri

Un mix di libri con citazioni on the rocks

Un viaggio per l’Italia per preservare l’arte e riscoprire se stessi: “Non esistono posti lontani” di Franco Faggiani

Un viaggio per l’Italia per preservare l’arte e riscoprire se stessi: “Non esistono posti lontani” di Franco Faggiani

L’Italia è piena di tesori, che durante la Seconda Guerra Mondiale venivano a volte trafugati, se non distrutti dai bombardamenti. Partendo da questo dato di fatto, Franco Faggiani nel romanzo “Non esistono posti lontani” intreccia la scoperta delle bellezze paesaggistiche dell’Italia con la salvaguardia del patrimonio artistico della nostra penisola. A intraprendere il viaggio sono l’archeologo Filippo Cavalcanti accompagnato da un compagno d’eccezione, Quintino. Il primo ha ricevuto l’incarico sotto il governo fascista di scortare delle opere d’arte in Germania, salvo poi decidere di restituirle a Roma, lasciando così il patrimonio in mano agli italiani. Il punto d’inizio del viaggio è Bressanone, dove il professore incontra il giovane Quintino, che lo aiuterà nella sua impresa e ne sarà l’ideatore.

Come anticipato, “Non esistono posti lontani” si contraddistingue per il suo percorso tra i paesaggi naturali del territorio italiano, dimostrando l’accortezza di Faggiani verso la natura, a cui ci ha abituato anche nei precedenti romanzi. Infatti sia ne “Il guardiano della collina dei ciliegi” sia ne “La manutenzione dei sensi” l’attenzione è tutta rivolta al legame tra l’uomo e l’ambiente circostante, che riporta i personaggi a una maggiore sintonia con la terra e a un miglioramento delle condizioni di vita in generale. In questo nuovo romanzo si rileva anche la verve del giovane protagonista, che vivacizza il viaggio dei due personaggi.

All’impresa importante si affiancano momenti divertenti ma anche tragici, in un continuo rimando alla situazione italiana dell’epoca, caratterizzata e segnata dal secondo conflitto mondiale. In conclusione, “Non esistono posti lontani” di Franco Faggiani, edito da Fazi, è un romanzo che concilia la cultura artistica e le bellezze naturali dell’Italia, colpite purtroppo dalla guerra, in cui emerge però la voglia di ricominciare e di ricostruire una realtà migliore.

Consigliato per i viaggiatori, per chi ama l’arte, per chi non ha paura di partire dalle fondamenta per creare qualcosa di nuovo, per gli amanti della natura e della quiete, per chi vuole leggere qualcosa di rilassante e divertente, per gli estimatori dei racconti incentrati su un percorso di vita.

Per orientarvi vi lascio i link IBS dell’ebook e del libro cartaceo. Se vi va di dare un piccolo contributo per sostenere il blog, acquistando tramite questi link, riceverò una percentuale. Grazie!

Link ebook

Link libro

Ora più che mai è importante sostenere le librerie fisiche ed evitare che i librai in carne e ossa diventino delle figure mitologiche, sostituiti da schermi e tastiere, senza più modo di richiedere quel consiglio personale che solo in questi luoghi è possibile scambiarsi ancora. Per questo potete decidere di acquistare questo libro direttamente dalla vostra libreria preferita e riceverlo comodamente a casa, utilizzando Bookdealer.

Il libro su Bookdealer

La citazione dal libro:

Alzandomi a fatica pensai che la felicità, a volte, è solo una piccola distrazione, ma soprattutto che l’amicizia aveva di nuovo un buon sapore. Inutile che continuassi a negarmelo, Quintino ormai riusciva ad affascinarmi. Anche se non lo avevo mai ammesso, nemmeno a me stesso, si era fin da subito rivelato una persona sincera, sfrontata ma anche arguta, avventata ma con una genialità e un coraggio tali da toglierci sempre dai guai.

Per altre citazioni consultate Cocktail di citazioni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.