Recensione di "Il pastore d'Islanda" - Cocktail di libri

Un mix di libri con citazioni on the rocks

Un racconto poetico per Natale: “Il pastore d’Islanda” di Gunnar Gunnarsson

Un racconto poetico per Natale: “Il pastore d’Islanda” di Gunnar Gunnarsson

Ritrovarsi, stare insieme intorno al camino e scambiarsi i regali che si trovano sotto l’albero… sono tutte attività tipiche del Natale, un momento dedicato alla famiglia con un’accezione religiosa (almeno originariamente). Proprio durante questo periodo, c’è chi decide d’incamminarsi da solo tra le strade innevate dell’Islanda per riunire un gregge di pecore, come fa Benedikt ne “Il pastore d’Islanda” di Gunnar Gunnarson, tradotto da Maria Valeria D’Avino per Iperborea. Insieme ai suoi fedeli e inseparabili compagni, il montone Roccia e il cane Léo, l’uomo intraprende un viaggio dai contorni spirituali che assume l’aspetto di una parabola. Non manca infatti il simbolismo alla trinità e alla religione che forniscono una possibile interpretazione di questo racconto poetico, ambientato sotto Natale.

Il pastore d’Islanda” narra una storia semplice che scalda però il cuore con le sue frasi sincere ed eleganti, che sprigionano poesia e mettono in risalto i valori dell’amicizia, della fratellanza e del vivere a contatto con la natura, rispettandola e cercando di entrare in sintonia con essa. Valori che si potrebbero ricollegare alla tradizione romantica, che esaltava la grandiosità della natura, spaventosa se trattata con poca cura, rassicurante se capita e apprezzata per tutto quello che ha da offrire.

Gunnar Gunnarsson ci restituisce così la sua Islanda, fredda e dura, ma che mostra il suo lato romantico e caldo a chi sa andare oltre i classici stereotipi e segue il percorso di Benedikt, una persona semplice, di buon cuore, pronto a superare le avversità sul suo cammino, al meglio delle sue possibilità.

In conclusione, “Il pastore d’Islanda” di Gunnar Gunnarsson è un racconto natalizio di pura poesia che può essere assaporato lentamente o letto tutto d’un fiato per scoprire un mondo lontano dai nostri canoni ma che ne condivide nonostante tutto gli stessi valori.  A distanza di tempo ciascuno di noi può ritrovarvi delle verità ancora attuali o soffermarsi sull’aspetto spirituale della vicenda, il che contribuisce a dare un senso di universalità al libro, peculiarità di tutti i grandi classici.

Consigliato per gli amanti della poesia, per chi sta cercando un classico meno conosciuto, per chi ama la letteratura nordica, per chi sta progettando un viaggio in Islanda, per chi dà peso alle parole, per chi vuole leggere qualcosa di natalizio, per chi desidererebbe vivere a maggior contatto con la natura, per chi dà importanza all’amicizia e alla condivisione.

Per orientarvi vi lascio i link IBS dell’ebook e del libro cartaceo. Se vi va di dare un piccolo contributo per sostenere il blog, acquistando tramite questi link, riceverò una percentuale. Grazie!

Link libro

Ora più che mai è importante sostenere le librerie fisiche ed evitare che i librai in carne e ossa diventino delle figure mitologiche, sostituiti da schermi e tastiere, senza più modo di richiedere quel consiglio personale che solo in questi luoghi è possibile scambiarsi ancora. Per questo potete decidere di acquistare questo libro direttamente dalla vostra libreria preferita e riceverlo comodamente a casa, utilizzando Bookdealer.

Il libro su Bookdealer

La citazione dal libro:

Una candela solitaria è quasi come una persona, un’anima abbandonata al dubbio, che inaspettatamente si trasforma quando qualcuno si avvicina, quando non è più sola. Così anche quella candela. Come i tre uomini entrarono dalla porta, lei non fu più sola e abbandonata, a un tratto aveva un servizio da rendere, un compito da assolvere.

Per altre citazioni consultate Cocktail di citazioni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.